Dove finiscono le proposte di ragazze e ragazzi?

 

Dare concretezza alle proposte dei ragazzi e ragazze di GIOCONDA. Questo obiettivo si sta realizzando a Ravenna, dove in questi mesi è in corso il progetto A tua misuRA, un percorso partecipato sostenuto dalla legge sulla Partecipazione della Regione Emilia Romagna per definire, insieme alla cittadinanza, il nuovo Piano per la mobilità sostenibile (PUMS).

Il nostro progetto è entrato ufficialmente nel percorso lo scorso 17 marzo, quando i rappresentanti delle due scuole coinvolte, la Mattei di Marina di Ravenna e il Liceo Scientifico A. Oriani, hanno consegnato il Documento di proposta partecipata, prodotto finale di GIOCONDA a Ravenna, al rappresentante della Giunta comunale Guido Guerrieri. Nel Documento sono contenute le raccomandazioni che gli studenti hanno elaborato dopo avere studiato, riflettuto e discusso in classe i dati sull’inquinamento atmosferico e acustico nelle loro scuole e nei quartieri dove si trovano.

Di GIOCONDA hanno parlato in quell’occasione anche i suoi protagonisti adulti: Luana Gasparini del Centro di educazione alla sostenibilità, Patrizia Lucialli della sezione ravennate di ARPAE e Giuliano Silvi, del Dipartimento di sanità pubblica.

Abbiamo chiesto a Nicola Scanferla, Mobility Manager del Comune e responsabile di A tua misuRA, il significato di questa consegna da parte dei ragazzi e delle ragazze intervenuti: “significa che le idee e le raccomandazioni dei ragazzi stanno entrando nella programmazione di come sarà la città nei prossimi anni, in modo formale, con una vera e propria ricaduta dei contenuti emersi in nella progettazione tecnica. Mi riferisco al PUMS, al piano del traffico e alla programmazione triennale delle opere pubbliche, tutti strumenti collegati fra di loro per migliorare la mobilità, ridurre le emissioni e quindi l’inquinamento dell’aria e da rumore”.

Questa ricaduta di GIOCONDA sul territorio dimostra la capacità del progetto di produrre un dialogo efficace. “Quando abbiamo cominciatoA tua misuRA, ci siamo chiesti quali erano gli attori da coinvolgere e gli argomenti da affrontare. Il progetto GIOCONDA ha fornito un punto di vista, quello della fascia 11-17, fondamentale per parlare di futuro prossimo e argomenti-chiave quali l’impatto degli inquinanti causati dal traffico basandosi sui dati”.

Nei prossimi mesi, richieste quali la realizzazione di zone protette intorno alle scuole, l’aumento delle aree pedonali e delle piste ciclabili per collegare il centro con la periferia e il terriorio verranno passate a una nuova amministrazione. Spetterà ai nuovi eletti farsi carico delle richieste dei loro giovani cittadini. Certo è che GIOCONDA è entrata ufficialmente nella programmazione tecnica.

 

Per saperne di più:

https://www.facebook.com/PUMS-Città-di-Ravenna-191542031200401/?fref=ts